La cura dell’ambiente nell’era del Covid

La cura dell’ambiente nell’era del Covid

Con la diffusione del Covid-19, praticamente ogni settore dell’economia ha dovuto fare i conti con rallentamenti e battute d’arresto.

Quelle che un tempo erano realtà produttive a pieno regime sono diventate attività da limitare, perché considerate non essenziali.

Sebbene la fase più critica sia da considerarsi superata, soprattutto con l’arrivo dei primi vaccini, l’ambito industriale italiano e mondiale è ancora in lenta ripresa.

Una situazione di questo tipo ha avuto senza dubbio serie ripercussioni sulla popolazione, anche se è doveroso sottolineare come tale stallo produttivo abbia contribuito, in modo considerevole, anche a risollevare le sorti dell’ecosistema.  

La notizia fa tirare un sospiro di sollievo a tutte le persone che da sempre si sono spese per la cura dell’ambiente, anche se gli stessi soggetti hanno poi dovuto fare i conti con un altro lato della pandemia, ovvero quello che ha fatto registrare un aumento del materiale monouso e dei rifiuti.

La Ecologia Oggi Spa, con sede a Lamezia Terme, in Via Colonnello Cassoli, n. 18, si spende, ogni giorno, affinché il lavoro dei professionisti sia di grande aiuto alla causa ambientale. 

La misura del miglioramento

Come già detto, l’arresto forzato di tutti i sistemi produttivi ha permesso all’ambiente di respirare nuovamente.

Il senso della frase è addirittura letterale, poiché la riduzione del numero di mezzi in circolazione, unito alla bassa attività industriale, ha avuto un impatto decisivo sulla quantità di agenti inquinanti presenti nell’atmosfera.

L’intero pianeta ha dovuto affrontare una situazione eccezionale, che è riuscita ad imporre, involontariamente, la più grande operazione ambientale mai registrata.

Per molto tempo, infatti, questo effetto collaterale del lockdown da Covid-19 ha consentito di allentare lo stress ambientale.

In particolare, gli esperti hanno registrato una consistente diminuzione del biossido di azoto, gas di scarico prodotto dai motori dei veicoli, estremamente nocivo per il delicato equilibrio dell’ecosistema.

Occorre precisare però che se all’inizio questi erano dati incoraggianti, nel lungo periodo si è potuto assistere ad un inaspettato rovescio della medaglia, rappresentato dall’aumento dei rifiuti prodotti da ogni singola città.

L’altra faccia della pandemia

Gli effetti della drastica riduzione delle emissioni nocive non hanno potuto contrastare l’aumento di tutti quei prodotti usa e getta imposti dalla nuova società anti Covid-19.

La gestione dei rifiuti si è dimostrata sin da subito una necessità assoluta, a servizio della popolazione e come strumento di cura dell’ambiente, provato da questa nuova aggressione frontale.

Nuovi scarti si sono fatti strada, come mascherine e guanti usati, sempre più spesso abbandonati inconsciamente, senza alcun rispetto per l’ambiente.

Tutta questa situazione ha aumentato in maniera esponenziale la necessità di società specializzate, a cui si chiede di intervenire per il corretto smaltimento dei presidi individuali di protezione dismessi.

Inoltre, un adeguato livello di gestione dei rifiuti urbani, la cui produzione è direttamente proporzionale alla lunga permanenza in casa, dovuta alle regole anti Covid, si è reso indispensabile, per garantire all’ambiente la giusta cura ed evitare che la diffusione del virus si riveli una potenziale arma letale anche per il pianeta.

L’azienda Ecologia Oggi, ormai da anni schierata nella lotta all’inquinamento ambientale, svolge il proprio lavoro con professionalità e dedizione, per arginare gli effetti collaterali della pandemia.

Dalla raccolta dei rifiuti al trattamento degli stessi, ogni procedimento viene pensato e messo in pratica seguendo un preciso codice etico. L’azienda è operativa in Calabria e nel Sud Italia, nelle province di Catanzaro, Crotone, Vibo Valentia, Cosenza, Reggio Calabria e nelle principali città calabresi come Lamezia Terme, Corigliano-Rosanno, Rende, Castrovillari e Gioia Tauro.

Per saperne di più visita il sito internet www.ecologiaoggi.it o chiama il numero 0968/442032.



Contenuti editoriali a cura di PAGINE Sì! S.p.A.