Addio alla plastica monouso: cosa accadrà dal 2021

Addio alla plastica monouso: cosa accadrà dal 2021

Dal 2021 scatta l’abolizione della plastica monouso: cosa cambierà nelle nostre vite?

La plastica è stata utilizzata per decenni in quantità tali da essere divenuta un rischio per l’ambiente e la salute umana. Ecologia Oggi si occupa dal 1983 della raccolta differenziata dei prodotti plastici, affinché possano essere smaltiti in maniera legale e attenta all’ecosistema. Si può fare sempre di più nella lotta contro l’abbandono dei rifiuti e quelli plastici sono, purtroppo, un serio problema: infatti, l’80% dei prodotti inquinanti presenti nel mare è rappresentato proprio dalle plastiche. La plastica è entrata talmente a fondo nell’ecosistema tanto da essere ingerito in piccole particelle dagli abitanti dei mari. Nei casi più gravi, le plastiche più voluminose portano alla morte di animali quali le tartarughe o le balene. Noi stessi, secondo le ultime rilevazioni, ingeriamo ogni anno un quantitativo pari alla plastica utile alla produzione di una carta di credito. Per tutte queste ragioni Ecologia Oggi è dalla parte della salute degli uomini e in prima linea nella salvaguardia dell’ambiente, operando su tutto il territorio della regione Calabria per la raccolta differenziata. Novità in vista dal 2021: addio alla plastica monouso. Cosa significa ciò?

Cosa accadrà dal 2021 con il bando alla plastica monouso

L’Unione Europea ha votato una legge che abolisce dal 2021 la possibilità di produzione e acquisto di tutti i prodotti realizzati in plastica monouso. Questo stop è stato studiato in più step, che vanno ad obbligare nei prossimi anni al rispetto di determinate percentuali di riciclo della plastica e del loro smaltimento. Nello specifico, entro il 2029 gli Stati membri dell’Ue dovranno rispettare una raccolta della plastica pari al 90%. Inoltre, entro il 2025 le bottiglie di plastica dovranno essere prodotte con almeno il 25% di prodotto riciclato, percentuale che sale entro il 2030 al 30%. Cifre importanti e impegni obbligatori che le Nazioni europee si son dati proprio per contrastare la diffusione di plastica nell’ambiente, nociva a livelli estremi per tutti gli abitanti del pianeta: dagli animali (sia nei mari che nei boschi) agli esseri umani.

Contatta Ecologia Oggi per avere informazioni sulla raccolta differenziata e sullo smaltimento della plastica. Visita il nostro sito internet per scoprire i servizi svolti da Ecologia Oggi o scrivici all’indirizzo email info@ecologiaoggi.it



Contenuti editoriali a cura di PAGINE Sì! S.p.A.