Il ciclo di vita dei rifiuti edili

Il ciclo di vita dei rifiuti edili

Come trasformare gli scarti in risorse anche quando si tratta di rifiuti edili

È possibile trasformare gli scarti in risorse? Questo è ciò che Ecologia Oggi cerca di fare giorno dopo giorno, attraverso un’attuazione puntuale della raccolta differenziata, sia grazie all’aiuto dei cittadini che delle aziende. La produzione dei rifiuti fa parte del naturale ciclo di vita degli esseri umani, nel senso che tutte le operazioni quotidiane che svolgiamo — mangiare, lavare i panni, usare vestiti, utilizzare l’auto — producono scarti. Dall’imballaggio delle pesche alla nostra camicia sporca, dalle scarpe vecchie all’accensione del motore del nostro veicolo, queste azioni hanno un peso sull’ambiente. Con il controllo delle emissioni dei mezzi di trasporto possiamo ridurre l’inquinamento, così come gettando l’imballaggio in carta nell’apposito cestino aiuta alla vita nuova di quel rifiuto. Lo stesso discorso vale per i rifiuti edili. Ci riferiamo a tutto ciò che rimane dopo la costruzione di una casa o dopo la distruzione di un vecchio palazzo, così come tutto ciò che viene prodotto in fase di ristrutturazione. In questo breve articolo cerchiamo di capite come si possono smaltire i rifiuti edili.

Rifiuti edili, il ciclo di vita

I rifiuti edili, come detto precedentemente, sono sia quelli prodotti in fase di ristrutturazione che in fase di demolizione di una struttura. Un punto importante da sottolineare è che questa categoria di rifiuti è a sé stante, nel senso che sono ben diversi, ad esempio, dai rifiuti speciali. Ecco perché non si possono mischiare come se fossero un tutt’uno. Tutti i materiali che risulteranno dalla ristrutturazione dalla demolizione dovranno necessariamente subire un processo di catalogazione, essendoci diversi tipi di prodotti: i metalli, le sostanze inquinanti, i prodotti inerti. Solo dopo la cernita dei detriti si potrà decidere come differenziare ogni singolo prodotto. Oggi le imprese di costruzione (e di demolizione) possono persino demolire in maniera preventivamente già accorta: tecniche di distruzione, infatti, aiutano a selezionare i materiali risultanti dalla demolizione così da essere gestiti più facilmente al momento della loro cernita. Un dato importante è che la legge impone che chi produce le macerie si occuperà anche dello smaltimento.

Ecologia Oggi gestisce l’intero processo di riciclo e della distruzione dei rifiuti. Per ulteriori informazioni visita il nostro sito https://www.ecologiaoggi.it/ o contattaci via email all’indirizzo info@ecologiaoggi.it



Contenuti editoriali a cura di PAGINE Sì! S.p.A.